Dettaglio Corso - Training Integrato per la Balbuzie (TIB) Il Sistema Attentivo Supervisore e i sistemi specifici del linguaggio: interazione per la fluidità verbale

Salta Menu PrincipaleSalta Login
Nascondi
Caratteristiche
Nascondi
[[idnumber]]balb3
[[ecm]]
[[ecmcreditsdistribution]]18 CREDITI FORMATIVI
[[type]]CORSO DI AGGIORNAMENTO
[[duration]]20 Ore
[[price]]250€ (IVA Inclusa)
[[places]]60
[[locality]]CREMONA
[[area]]logopedisti - neuropsichiatri infantili - psicologi-audiologi e foniatri -
[[objectives]]La balbuzie è un disturbo complesso e tra i suoi aspetti più studiati spiccano i meccanismi di pianificazione della frase che sottostanno all’esecuzione motoria disfunzionale. In quest’ottica sono state avanzate diverse teorie, con ampi modelli, che coinvolgono più funzionamenti e sistemi nel processo di pianificazione dell’enunciato. Un esempio tra i più significativi è sicuramente la Teoria Neuropsicolinguistica di Perkins, Kent, & Curlee (1991), che prende in considerazione aspetti del funzionamento linguistico e paralinguistico, elaborati da circuiti diversi e convogliati in un unico sistema di uscita. Per questi autori, nel caso delle persone che balbettano (PCB) l’asincronia tra i due funzionamenti, il basso controllo percepito della fluidità e la presenza di pressione temporale, delineerebbero la condizione di balbuzie. Altri modelli invece (Wingate, 1988; Postma & Kolk, 1993) hanno indirizzato la loro attenzione più direttamente su come l’elaborazione fonetica è implicata nella balbuzie. Pianificazione ed esecuzione risultano essere centrali anche per il modello EXPLAN di Howell & Au-Yeung, (2002) dove la gestione della pianificazione della frase (PLANning) e l’esecuzione (EXecution) sono affidate a moduli diversi con propri tempi di elaborazione che, essendo anch’essi differenti, mettono il parlante di fronte alla necessità di armonizzare i processi. L’inabilità delle PCB a tenere assieme processi di pianificazione, esecuzione e controllo diventa anche l’obiettivo principale dei protocolli terapeutici che puntano ad un potenziamento complessivo della fluidità (D’Ambrosio, Di Somma, Di Maro) . Nella loro diversità i modelli e le teorie citate presuppongono specifiche abilità e, nelle proposte più articolate, una determinata architettura della mente con moduli, processi e controlli dei funzionamenti, con capacità di regolazione e gestione delle risorse. In questo seminario, presenteremo un modello di interazione tra il Sistema Attentivo Supervisore (SAS) e i sistemi specifici del linguaggio nella determinazione della balbuzie e della fluidità verbale. Discuteremo delle varie caratteristiche del parlare disfluente e dello stesso parlare fluido, degli aspetti evolutivi del disturbo, dei risultati dei trattamenti, le remissioni spontanee e le ricadute, nonché i dati relativi alla comorbilità con altri disturbi, inquadrandoli all’interno del modello passando in rassegna i dati già presenti in letteratu
[[mode]]LEZIONI MAGISTRALI ESERCITAZIONI PRATICHE DIBATTITI
[[test]]QUESTIONARIO
[[teacher]]ANDREA DI SOMMA
VINCENZO DI MARO
Daniele Arisi
[[program]]Clicca qui
[[brochure]]Clicca qui
[[iscription]]Clicca qui
Salta Calendario

Calendario

Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 Oggi mercoledì 16 gennaio 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31   
Salta Notizie dal Ministero

Notizie dal Ministero